Cerca
  • Francesca Togni

L'arte della delega: come e a chi affidare le mansioni in azienda

Per dare vita ad un’azienda di successo devi imparare a delegare.

Un imprenditore può dirsi vincente solo se è in grado di creare un sistema che funzioni anche senza di lui perché così può dedicarsi al suo vero lavoro: l’imprenditoria.


La delega non è altro che affidare delle mansioni che prima svolgevi tu a uno o più collaboratori, con la certezza che quell’incarico verrà svolto in modo corretto e ineccepibile.

Ma perché è importante delegare?

Hai mai visto Bill Gates programmare software? O Agnelli verniciare auto?

Gli imprenditori sono il motore dell’azienda, coloro che ne detengono il comando per cui devono evitare di svolgere lavori che non sono i loro e imparare a delegare.

Tutto si può delegare tranne il comando. Per comando si intendono tutte quelle funzioni strategiche che devono essere necessariamente gestite da te: le risorse umane, le finanze e la strategia.


Per far sì che la delega sia efficace bisogna tenere a mente tre principi fondamentali:


1. Devi avere fiducia nei tuoi collaboratori. La fiducia nelle persone che ti circondano è la base imprescindibile per poter affidare un incarico a qualcuno. Se non credi nella persone a cui stai delegando è matematico che quella persona fallirà.


2. Devi saper trasferire la tua conoscenza per far sì che i tuoi collaboratori siano autonomi e riescano a gestire e a portare a termine efficacemente le mansioni che gli hai delegato. Spiega alla persona l’effettivo risultato della sua mansione e motivala facendole notare i vantaggi che avrebbe nel compiere quel lavoro. Programma nel dettaglio il suo lavoro e mantieni controllo su di lei affinché effettivamente svolga i suoi compiti. Piano piano il tuo collaboratore si attiverà e sarà in grado di procedere in autonomia.


3. Devi scegliere le persone giuste.

Questo è forse il punto principale affinché il processo di delega funzioni e ti soddisfi. Ma come scegliere le persone giuste? Ci sono degli indicatori che possono aiutarti: la persona giusta è qualcuno che quando gli racconti i tuoi obiettivi e i piani per il futuro si accende con entusiasmo e non si tira mai indietro, ha voglia di fare, non ostacola e non crea problemi. Quando gli chiedi di cosa ha bisogno risponde positivamente, è responsabile, positivo anche nelle difficoltà e scalpita per ottenere risultati. Quando gli domandi cosa pensa esprime la sua opinione con entusiasmo, è propositivo e tira fuori nuove idee. E’ una persona che sul posto di lavoro diffonde il buon umore, condivide i valori aziendali e ha relazioni di qualità. Quando si analizzano i risultati ottenuti è qualcuno che ha voglia di giocare ad un gioco più grande, che persiste e non molla mai, che porta soluzioni e non problemi, ama la sfida e vuole vincere. In altre parole, devi scegliere persone coscienziose perché quando in azienda hai persone di questo tipo tutto diventa possibile.


Perché tu possa avere risorse positive devi essere costantemente in selezione; se ti affacci al mercato del lavoro solo quando ne hai davvero bisogno, non avrai la possibilità di scegliere la persona giusta perché sarai sotto pressione e non potrai permetterti di perdere tempo; se, al contrario, ti attivi in un processo di selezione continua avrai la lucidità di valutare e scegliere con tranquillità il collaboratore che rispecchia davvero la tua visione di azienda e che ti necessita realmente.


Infine, libera la tua mente da quelle idee limitanti che non ti permetteranno MAI di delegare; pensare che tu devi arrivare per primo e andare via per ultimo è un idea virus: se da un lato è vero che è giusto dare il buon esempio, dall’altro sappi che per motivare i tuoi collaboratori non è sempre necessario essere costantemente presente. Pensa a quando devi parlare in pubblico e in aula c’è un relatore molto più bravo te, la sua presenza può inibirti e tu lavoreresti in modo molto più fluido se lui non ci fosse. Beh, in azienda può accadere la stessa cosa, a volte la tua presenza può inibire i tuoi dipendenti. Inoltre, essere costantemente carichi di lavoro lascia l’azienda senza la sua guida strategica e ciò non è di certo un vantaggio.

Abbandona l’idea che come fai tu le cose non le fa nessuno… se non dai la possibilità a qualcun altro di entrare nel vivo del lavoro e di potersi esprimere non saprai mai quanto potrà fare.

Abbandona anche l’idea che il valore principale della tua impresa sia il capitale. Il cuore dell’azienda sono le persone e quanto più trasmetti conoscenza tanto più valore crei per la tua impresa.


E adesso...buona delega!

38 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti